RSS Feed

Progetto di autorecupero in Via Compagnoni

Oggi denunciamo l’ennesima devastazione da parte di ACER con mandato del Comune di Reggio Emilia di un appartamento di via Compagnoni, vuoto solo da qualche mese. Chiediamo se questo rientra nel piano di “riqualificazione” del quartiere, piano approvato nel lontano 1998, che consiste nell’ abbattere oltre 200 alloggi pubblici per ricostruirne appena 80 pubblici ed 88 privati. Già allora questo progetto ha creato malcontento all’interno del quartiere per la distruzione di un tessuto sociale ed una solidarietà costruita in piu’ di 40 anni di convivenza tra gli abitanti di Conmpagnoni, delocalizzandoli in altre zone della città.

Dal 1998 a oggi piu’ di un centinaio di questi appartamenti sono rimasti abbandonati e mai piu’ assegnati a chi era in graduatoria, ed inoltre, nonostante la precedente Giunta Comunale tramite l’ex Assessore alla casa Carla Colzi avesse dichiarato che questi appartamenti servivano per far fronte ad eventuali emergenze , oggi possiamo notare che oltre a non assegnarli si spendono soldi pubblici per renderli inabitabili devastandoli.

In questi anni è cambiato radicalmente il contesto economico e sociale della città: la crisi economica e la cementificazione
selvaggia impongono scelte diverse da parte della Amministrazione; è urgente dare risposte abitative che diano autonomia alle famiglie senza reddito o con un reddito intermittente, perchè chi perde il lavoro viene espulso in silenzio dallo status di cittadino.

Il Collettivo Sottotetto oggi, con la preziosa partecipazione dell’architetto Chiara Valli, presenta un progetto pilota di autorecupero che ci vedrà impegnati proprio nella riqualificazione di quest ultimo ed ennesimo appartamento devastato e la sua restituzione alla comunità sottoforma di abitazione popolare.

La restaurazione di un appartamento ha un prezzo di mercato che varia dai 1000 ai 1200 euro al metro quadro, il nostro progetto prevede una spesa massima di 300 euro al metro quadro.

L’autorecupero è una pratica edilizia sostenibile sia dal punto di vista sociale che economico: permette di recuperare il
patrimonio edilizio pubblico attraverso progetti che coinvolgono direttamente le famiglie in emergenza abitativa che prestano la loro manodopera, abbattendo in questo modo i costi generali dell’intervento.

La crisi economica che ha colpito soprattutto il mondo dell’edilizia, ha lasciato senza casa e lavoro molte persone impiegate
nei cantieri: queste persone e le loro famiglie sono i soggetti ideali per partecipare a un progetto di autorecupero che permetterebbe di risolvere il loro problema abitativo e offrirebbe un’opportunità di formazione di competenze specifiche in questo campo e la costituzione di una struttura che potrebbe affiancare altri interventi di questo tipo, creando anche la possibilità di un reddito. Attraverso la pratica dell’autorecupero è possibile riqualificare un quartiere degradato, mantenendo il tessuto sociale esistente e dando valore all’edilizia pubblica.

Le misure contro la crisi adottate dalla Provincia e da S.U.N.I.A., attraverso un finanziamento della Fondazione Manodori hanno messo a disposizione dei proprietari di case che si impegnavano a non sfrattare i loro inquilini 300.000 euro: questo fondo non è stato utilizzato e la misura adottata si è quindi dimostrata inefficace, anche perchè costituisce solo un rinvio del problema. La proposta di realizzare un progetto di autorecupero può essere invece una risposta concreta all’emergenza abitativa che sta colpendo una fascia sempre più estesa di abitanti: il finanziamento stanziato potrebbe essere investito per un progetto pilota nel quartiere Compagnoni che potrebbe essere esteso ad altri edifici e quartieri della città.

Scarica il progetto di autorecupero: Appartamento_48mq.pdf

Scarica esempi di costi di autorecupero e autocostruzione: Esempi di costi.pdf

Comments are closed for this entry.